Sangue cordonale 1

L’utilizzo delle cellule staminali nelle terapie è iniziato nel 1989. Il primo trapianto con le cellule staminali cordonali è stato effettuato a Parigi nel 1989 dal Prof. Hal Broxmeyer e dalla Prof.ssa Eliane Gluckman. Il paziente, Matthew Farrow di 5 anni era affetto da Anemia di Fanconi. Le cellule provenivano dal sangue cordonale della sorella. Il bambino è GUARITO.

Matthew Farrow nel 2014 con il Figlio in braccio e Prof. Eliane Gluckman

Sangue cordonale 2

Dal 1989 fino d’oggi sono stati effettuati circa 30mila trapianti di cellule staminali cordonali e il numero è in continua crescita.

Nel 2011 metà dei campioni utilizzati nei trapianti con le cellule staminali nell’età pediatrica proveniva dal cordone ombelicale, questo dato dimostra l' utilità terapeutica delle cellule staminali cordonali.

Fonte: World Network for Blood and Morrow Transplantation

Sangue cordonale 3

Nel mondo, fino d’oggi sono stati effettuati 1MILIONE di trapianti con le cellule staminali dal sangue e dal midollo osseo, questo dato conferma la loro IMPORTANZA nella cura di varie malattie inoltre dimostra che sono stati tantissimi pazienti sottoposti al trapianto autologo (quindi con le proprie cellule staminali).

 

Fonte: World Network for Blood and Morrow Tranplantation

Sangue cordonale 4

Come dimostra il grafico esistono 2 tipi di trapianti:

Autologo - le cellule staminali infuse sono quelle del paziente stesso; oppure dello gemello monozigote

Allogenico - le cellule staminali provengono da un donatore familiare o da un estraneo.