Dubbi
nostre risposte

In quest’ultimo caso è indispensabile reperire un donatore con caratteristiche genetiche simili (compatibilità tissutale HLA) a quelle del ricevente.

La compatibilità HLA è un fattore fondamentale, per evitare il GVHD (rigetto), e limitante per i trapianti di cellule staminali emopoietiche.

Attualmente solo il 30-35% dei pazienti possiede un donatore familiare HLA-identico (un fratello, una sorella, un genitore) ma questa percentuale aumenta in caso di utilizzo di cellule staminali cordonali, infatti esse possono essere utilizzate anche quando la compatibilità tra il donatore e ricevente è pari a 3/6 parametri HLA compatibili, in caso di midollo osseo devono essere 9/10 parametri HLA compatibili.

Il Gruppo FamiCord ha scongelato 21 campioni di cellule staminali cordonali per i trapianti nelle terapie standard e 90% dei casi è stato effettuato il trapianto tra i familiari.

In tutto il mondo infatti 1/3 di tutti i trapianti di cellule staminali emopoietiche viene effettuato tra i consanguinei.

Nei documenti del Ministero della Salute sono indicati vantaggi nell’impiego allogenico (familiare) del sangue cordonale; è necessario precisare che questi vantaggi sono riferibili tanto  ai campioni conservati  in banche pubbliche quanto ai campioni conservati in banche private.

E' quindi la conservazione di cellule staminali cordonali alla nascita del bambino diventa un'importante atto di prevenzione nei confornti di tutta la famiglia, in quanto il campione conserato può essere utilizzato anche sui fratelli o genitori.

Se aspetti un figlio richiedi informazioni. Noi siamo a Tua disposizione. Chiama il Numero Verde  800 864987

 




Nome e cognome
Invalid Input

E-mail
Invalid Input

Numero di telefono
Invalid Input

Data presunta del parto
Invalid Input

Zgody są wymagane